Top Shelf Mushrooms

Proseguendo la ricerca iniziata con  Gli Champignon de Bruxelles  ho trovato in rete e tradotto in italiano, questa esperienza d’oltre oceano, legata all’idea di fornire al consumatore un kit per l’auto-produzione degli shiitake.

Top Shelf Mushrooms appartiene ed è gestito da Brad e Angela. Siamo una squadra composta da marito e moglie che è affascinata dai funghi. Produciamo kit di funghi grow-at-home facili da coltivare, nutrienti e deliziosi. Ricevendo a casa un nostro kit avrai tutto ciò di cui hai bisogno per diventare un coltivatore di funghi domestici.
Tutto è iniziato nel 1999 quando abbiamo coltivato i nostri ceppi di funghi shiitake che produssero funghi per anni. Nel corso degli anni la nostra curiosità si è intensificata portandoci a cercare funghi selvatici, provare tutti i tipi di kit e a creare la nostra stanza di coltivazione. Li abbiamo cucinati per la nostra famiglia e per i nostri amici. Il nostro interesse è cresciuto maggiormente per le specie più esotiche e sane che utilizzano spawn (è la sostanza in cui viene inoculato il micelio) commerciali di altri fornitori. Alla fine abbiamo dovuto costruire la nostra clean room e il laboratorio per il lavorare le colture in modo sterile. Ora facciamo il nostro spawn a partire dalle nostre culture e dalle nostre spore cercando di migliorare i nostri ceppi per kit ancora più performanti.

Il nostro background:
Angela è un’infermiera diplomata con una approfondita formazione in medicina naturale e un approccio olistico al benessere, che ben si adatta agli incredibili benefici per la salute delle specie di funghi che amano il legno. I nostri amici e soprattutto Brad hanno tratto beneficio dalle formidabili capacità culinarie di Angela e lei è il principale assaggiatore di ricette di Top Shelf.

Brad Kuhns ha una laurea in ingegneria elettronica, il che significa che è un fanatico della tecnologia. La sua sete di conoscenza e interesse per la tecnologia verde lo ha portato alle diverse applicazioni della tecnologia per i funghi. I funghi vengono utilizzati per sostituire gli imballaggi di polistirolo, bonificare i siti tossici e produrre colture alimentari sostenibili. Brad è un ingegnoso sempre all’opera, costruisce i suoi strumenti e le attrezzature per le colture e progetta un sistema di gestione ambientale per la coltivazione di funghi.

Verde?
Confessiamo di essere huggers degli alberi, motivo per cui amiamo ciò che fanno i funghi. I funghi sono i riciclatori di madre natura. Quando gli alberi cadono nella foresta, i funghi intervengono per riciclare l’albero in un terreno ricco di nutrienti. I nostri kit convertono la segatura di legno, un prodotto di scarto, in cibo sano che puoi coltivare da solo. Quando hai finito con il kit, puoi compostarlo e in realtà accelerare il processo di compostaggio.

Siamo molto orgogliosi dei nostri prodotti e dei benefici salutari che trasmetteranno ai nostri clienti. Inoltre, cerchiamo costantemente di migliorare i metodi ecologici che utilizziamo per produrre i nostri prodotti. Abbiamo sperimentazioni in corso su vari imballaggi, supporti di crescita e fonti di substrato sostenibili che stiamo valutando nella ricerca di una migliore efficienza e di attività a basso impatto.

La nostra fattoria in una scatola?
Nel tentativo di rifornire i ristoranti locali, abbiamo riproposto un container per creare una fattoria di funghi controllata tutto l’anno. Produciamo una varietà di funghi utilizzando tutti gli ingredienti biologici certificati e programmiamo di diventare un’azienda biologica certificata nel 2015. La nostra capacità produttiva è di circa 90 kg a settimana di funghi freschi. La nostra fattoria autosufficiente è di 14 per 2,4 per 2,9 metri e dispone di un tavolo di lavaggio e preparazione, una stanza di raffreddamento, pavimenti riscaldanti, uno scambiatore di calore a controflusso per ridurre al minimo l’energia e un purificatore d’aria HEPA 99,99% . Usiamo un sistema di controllo computerizzato per mantenere un ambiente ottimale costante per la crescita dei funghi.

I nostri prodotti
I nostri kit di funghi da casa producono funghi deliziosi freschi per te. Sono disponibili per la consegna ovunque in Canada da Canada Post.

I kit sono costituiti da micelio di funghi puro che cresce su un substrato pastorizzato o sterilizzato di segatura di quercia riciclata di prima qualità proveniente da una segheria. I nostri kit sono prodotti con metodi biologici e, ove possibile, utilizziamo ingredienti biologici certificati come grano di segale e crusca di frumento.

top shelf mushrooms pearl oyster

Prima volta? Suggeriamo la funghi del tipo “Ostrica” nella varietà blu, bianco o olmo, che sono le più facili da coltivare.
 Includiamo tutto ciò di cui avrai bisogno, ad eccezione dell’acqua, con i nostri kit. 
GARANTITO! E’ garantito che tutti i kit produrranno frutti, o saremo lieti di risolvere i vostri problemi e sostituire il kit.

Annunci

Le Champignon de Bruxelles

Ad agosto ho ordinato il doppio della mia solita produzione sperando di partire con una buona produzione da subito e al contempo con i funghi di troppo farmi una scorta di secchi!

Invece il fato… ci ha messo lo zampino… mi ha fatto arrivare TUTTI i ballini pieni di piccoli funghi (perché i funghi sono esplosi, sebbene fossero stivati in celle a 2°)

Così mi son trovato dal 22 agosto con il doppio degli anni precedenti ma con le temperature di settembre che sono state sopra i 30° … risultato in 15 gg. i funghi si sono sviluppati e sono marciti.

Ho venduto il vendibile (coi mercati non ancora partiti in pieno) ho seccato oltre 60 kg.  e tutto il resto (oltre la metà) scarto.

Poi si sono bloccati per il caldo e ho passato il mese di settembre a raccogliere 1,5 kg alla settimana.

Come avrete capito è stato un periodo molto duro sotto tutti i punti di vista ma, come mio solito, ho cercato di capire quali soluzioni potessero esserci per attenuare periodi così neri ed in rete ho trovato questa cooperativa belga Le Champignon de Bruxelles che ha pensato di produrre i funghi ShiiTake con i fondi di orzo per fare la birra…

Le Champignon de Bruxelles era un sogno che condividevano in due persone. 
Oggi è una società cooperativa fondata da tre persone. L’obiettivo è arrivare a venti persone.
E entro 3 anni saremo in grado di creare una catena umana attorno al mattatoio di Anderlecht.
Le Champignon de Bruxelles non è una cooperativa di produttori, né una cooperativa d’acquisto. 
È un progetto aperto a tutti coloro che vogliono contribuire a una dieta sana e sostenibile a Bruxelles.
I nostri primi test sono iniziati nell’estate 2014. Per diversi mesi abbiamo testato come substrato i fondi di caffè prima di capire che lo ShiiTake preferisce la dolce gioia della birra all’emozione del caffè, in particolare con quello che rimane dell’orzo smaltato della birra.

In altre parole, usiamo un prodotto residuo delle nostre numerose birrerie belghe. 
È così che creiamo un metodo di Bruxelles completamente nuovo per coltivare funghi esotici!
Lo sapevi che solo il 10% degli ingredienti utilizzati per preparare la tua birra belga preferita finiscono nel bicchiere? Quindi ci sono tonnellate di materia organica che rimangono inutilizzate a Bruxelles fino ad oggi.
E se usassimo queste risorse per produrre una dieta salutare per Bruxelles?
E se trasformassimo questi grani di orzo in un delizioso fungo con notevoli qualità nutrizionali e medicinali?

Possiamo usare questi flussi residui come materia prima per produrre cibo sano per i residenti di Bruxelles! I residui dell’orzo, viene poi trasformato in deliziosi funghi con eccellenti proprietà nutrizionali e medicinali. Questa è la missione di Le Champignon de Bruxelles! 
Un insieme di agricoltura urbana , economia circolare e sapori esotici.

Il fungo di Bruxelles è dunque l’unione della saggezza del Giappone e del folclore belga. 
La fusione tra ShiiTake e birra! 
Sebbene poco conosciuto nella nostra regione, questo fungo profumato con il suo eccezionale valore nutrizionale è il secondo fungo più mangiato al mondo. Tradizionalmente, lo ShiiTake cresce sulla quercia asiatica, ma abbiamo scoperto che il “nostro Shieteke” ha anche un debole per la birra belga, il prodotto tipico e l’orgoglio della nostra capitale.

Da novembre 2016, un fungaia di 750 m2 è in costruzione nelle più mitiche cantine della città di Bruxelles: le cantine di Kuregem. 

Oggi la produzione è raddoppiata e stiamo coltivando 750 kg di ShiiTake al mese!

Le Champignon di Bruxelles hanno occupato le cantine di Kuregem! In altre parole siamo situati sotto i macelli di Anderlecht, queste cantine sono un ambiente ideale per la coltivazione di funghi. Sotto le sue belle volte in pietra rossa, godiamo di una temperatura fresca e costante per trasformare tonnellate di orzo in deliziosi ShiiTake.

Per questo ambizioso progetto vogliamo fare appello al potere dell’intelligenza collettiva. Amici di Bruxelles, questo progetto può anche essere tuo. La nostra cooperativa, governata dal principio da due persone, è appena stata creata e tu puoi farne parte.

Il cambiamento climatico incide in agricoltura ogni anno sempre più…

cropped-magnolia.png

Quest’anno la primavera è stata veloce come un soffio di vento, 
partita in ritardo… finita in anticipo…

***************

I miei funghi ShiiTake ne hanno risentito nella produzione:
partita a fine marzo…  fermata ai primi di Giugno…
di nuovo stoppati per tutto il mese di Settembre dal troppo caldo

 

cropped-20160518_112955.jpg

cropped-20160417_185519.jpg

mondo bio

Si sente parlare dei cambiamenti climatici…

ma veramente cosa si sta facendo?

 RIMANDARE IN AVANTI NEL TEMPO… gli OBIETTIVI!!

AL VIA LA SECONDA SERRA

20160407_193617

Ai primi di Novembre abbiamo montato la seconda serra, come programmato, per aumentare la produzione dei funghi in previsione del suo calo con l’arrivo del freddo.

20161102_112602

In questa occasione abbiamo utilizzato un telo “argentato” chiamato anche “telo latte” che è opaco ma permette alla luce di filtrare, esso è molto adatto alle esigenze del fungo Shiitake grazie alle sue particolari peculiarità.

Anche in questa serra abbiamo utilizzato un “muro” di ballini di paglia per tutto il perimetro esterno della serra, in tal modo da creare una coibentazione naturale, al momento non abbiamo creato finestre.

Ora, all’interno della nuova serra, abbiamo una parte di produzione già attiva e  una parte che partirà verso la metà di Dicembre, in tal modo da garantirci una produzione costante fino al mese di Gennaio.

#VeganInTlaMuraia – 2016

2016: Sabato 9 e Domenica 10 Luglio #VeganInTlaMuraia:

2015bannerveganravenna250x250

Il Festival Vegan Ravenna VEGAN IN TLA MURAIA 2016 è a ingresso gratuito e si svolgerà Sabato 9 e Domenica 10 Luglio 2016  presso Lido di Dante, Ravenna, nelle strade cittadine.

Il Festival è alla sua Terza Edizione ed ha origine dalla collaborazione fra libere e liberi abitanti di Ravenna e la neonata Associazione Culturale Succede di Tutto.

#Veganintlamuraia è un Festival basato principamente sull’ALIMENTAZIONE, infatti l’AREA FOOD è fornitissima di ogni possibile leccornia come Gastronomia Calda, Panini, Crepes, Gelato, Pizza, Pasta, specialità Romagnole Vegan, olive all’ascolana, panzerotti, arrosticini e molto altro ! Ci saranno anche negozi di Alimentari Vegan quindi potete FARE LA SPESA!!!

Inoltre promuove la filosofia vegan antispecista, il Festival vuole essere un luogo di incontro delle diverse realtà correlate del territorio: Associazioni Animaliste e per i Diritti Umani, Baratto, Riciclofficina, Artisti e Artiste, produttori di agricoltura a Km 0, anche attraverso Spettacoli e Conferenze a tema.
Lido di Dante, immersa in un’oasi naturale, è certamente la location ideale per questa manifestazione.
L’evento si suddivide in diverse Aree: Area Mercato e Food, Area Spettacoli e Conferenze, Area Yoga, Laboratori di Cucina Vegan, Area Bimb*, Via delle Associazioni.

La prima Edizione nacque grazie a RAVENNA2019, come uno dei tre progetti vincitori di AGORA’.

Il nome del Festival “Vegan in Tla Muraia” è liberamente ed ironicamente tratto dalla famosa scritta anonima “SVEGNA IN TLA MURAIA” che da anni capeggia a Ravenna, messa come monito in una curva molto pericolosa della Darsena in città.

Il Festival vuole essere, come quella scritta, una indicazione inusuale ma necessaria, che rende immediatamente consapevoli di se stessi e della velocità a cui si sta andando e vuole anche rivendicare, attraverso questo titolo, la stretta appartenenza del Festival alle ed agli abitanti della città.

AREA MERCATO E FOOD: Il Festival inizia Sabato 9 Luglio ore 17:00 con l’apertura della Fiera Mercato, dove è possibile degustare ogni tipo di cibo nella sua versione Vegan: Panini, Crepes, Gelato, Pizza, Pasta, specialità Romagnole Vegan, olive all’ascolana, panzerotti e molto altro e dove è possibile acquistare prodotti e oggettistica in linea con la filosofia Vegan.

AREA ASSOCIAZIONI è possibile conoscere le diverse Associazioni Animaliste e per i Diritti Umani, come Enpa, Sea Shepherd, Animal Asia, Non Ti Mangio Mica, Oipa, Arcigay Ravenna Ippoasis e molte altre

AREA SPETTACOLI E CONFERENZE: Grazie all’accordo con il Comitato Cittadino di Lido di Dante, viene utilizzato il Palco principale situato nel parco di via Matelda, dove si avvicendano Presentazione di Libri, Conferenze con Esperti, Musica e Spettacoli,partendo con la Presentazione del Festival.

Di seguito l’Agenda degli eventi nel Palco:

AREA YOGA: nel Parco La Pineta, vicino al Bagno Classe. E’ possibile fare Pratica di Yoga  guidata dall’Insegnate di Area Yoga Ravenna Fabrizio Sandulli(www.areayogaravenna.com)

LABORATORI DI CUCINA VEGAN:  Grazie alla collaborazione con L’Angolo Goloso, Fabio Ferro e Davide Zannoni, volontari del Festival terranno corsi BASE di Cucina Vegan nella struttura di via Matelda, corsi alla portata di tutti, per avvicinare le ed i partecipanti al mondo cruelty free in modo facile e veloce.

LABORATORI ORTO SINERGICO 

AREA BIMBE E BIMBI: Oltre alle meravigliose Aree Giochi già esistenti nel paese, sarà possibile partecipare ai Laboratori realizzati per l’occasione, adatti ad ogni età.

PRATICHE DI PIZZICA

Inoltre al Festival sarà presente:

RICICLOFFICINA: dove è possibile imparare a riparare la propria bicicletta con l’aiuto di volontari e volontarie. (http://ricicloofficinaravenna.blogspot.it/)

PASSEGGIATE IN PINETA: Nella giornata di Sabato e’ possibile anche fare delle camminate in Pineta con la guida, organizzate da Lega Ambiente

BICICLETTATA IN PINETA: Nella giornata di Domenica è possibile fare una biciclettata in pineta con FIAB

ACCOGLIENZA FESTIVAL: per tutta la durata del Festival è possibile chiedere informazioni su ogni avvenimento all’Accoglienza, che si trova al centro della piazzetta.

VOLONTARI-E: Lido di Dante è  molto preziosa, per questo ci sono Volontari e volontarie che tengono pulite ed in ordine tutte le Aree del Festival, nel rispetto della natura e degli abitanti.

Questa Terza Edizione del Festival Vegan Ravenna è realizzata grazie alla partecipazione di più di 150 persone fra Volontari-e, Associazioni, Artisti, Mercanti, Musiciste e Autori, grazie anche agli accordi con Comitato Cittadino di Lido di Dante, agli esercenti della località e agli ed alle abitanti di Lido di Dante.

Finalmente sono finiti i lavori sulla prima serra

Eravamo rimasti al posizionamento dei ballini di paglia all’esterno della serra per  coibentarla lateralmente

20160427_092104

20160427_094454

Questo è il risultato,
per finire il lavoro voglio irrorare sopra i ballini della “barbottina” (acqua con terra)

20160508_121345

Ora inizio a preparare con delle canne di bambù legate fra loro un distanziale su cui poter posare un telone coprente per creare una camera d’aria per poter avere meno impatto dai raggi del sole, all’interno del tunnel

20160509_101422

20160509_100902

20160509_100848

E questo è il risultato finale

Sono arrivati i primi ballini di funghi

Giovedì 14 Aprile

questa mattina sono arrivati i primi tre bancali di funghi
(2 di ShiiTake e uno di Pleurotus)

20160414_094907

 

mettiamo i ballini subito dentro il tunnel perché non si riscaldino troppo stando al sole

 

20160417_185525[1]    20160417_185519[1]

                        vi sono alcuni ballini di ShiiTake che hanno già molti funghi in crescita

Il telone, che ricopre il tunnel, al suo interno è scuro per non far passare troppa luce, vi  ho fatto delle finestre per areare e far filtrare una luce moderata.

Trovato il terreno inizia l’avventura di FunghiBio

Si parte…gallery-5-large

funghiBio2
Nasce con la volontà di produrre funghi in maniera rispettosa 
dell’ambiente con un riguardo
particolare ai metodi
usati per la loro coltivazione
impiegando Sinergie positive; proponendo prodotti utili
al benessere delle persone, come lo lo ShiiTake

La vendita sarà esclusivamente diretta (in studio anche sul posto) presso i mercatini a Km.0 e rivolta a:
produttori, ristoranti, negozi,
G.A.S., singoli consumatori consapevoli. 

 I nostri funghi in origine, cresceranno
in  ballini, con fieno,
certificati Biologici da
ICEA  ed esenti da qualsiasi trattamento vietato       ICEA

Questo è il terreno di oltre 3.800 Mq. acquisito grazie alla disponibilità dell’azienda bolognese la Sprint GAS titolare anche del distributore in fronte strada alla  via Emilia.

 

terreno funghi

Qui sotto il progetto, che si svilupperà nel tempo, partendo da subito con 1 tunnel di 20 mt. circa; si studierà un metodo per recuperare l’acqua e per questo verranno allestite una serie di cisterne per la raccolta dell’acqua.

 

terreno imola-page0001 (1)

 

nel pratico le sequenze de montaggio della serra tra cui i solchi laterali per fermare poi il telo perchè non voli via col vento

Le serre verranno poi tutte coibentate lateralmente con ballini di paglia per riparare i funghi dal freddo e anche dal troppo caldo, basandoci sulle leggi che regolano la Bio-edilizia (vedi le case in paglia); la corrente elettrica verrà prodotta in autonomia grazie a pannelli solari in accumulo.

 Nel terreno rimanente si creerà un Orto Sinergetico e si pianteranno piante da frutto “dimenticati” del luogo e fiori.

Tutta la lavorazione seguirà un processo Circolare
con l’obiettivo che tutto venga riciclato senza sprechi.

Inizia l’avventura, piantata la prima serra/tunnel

20160324_174448

Oggi 25 Marzo io e mia moglie abbiamo piantato gli archi della prima Serra/tunnel sul nostro appezzamento di terreno avuto in affitto a Imola a fianco della via Emilia levante poco fuori Imola.

20160324_174437

Il terreno era da vari anni non lavorato, per cui all’interno del tunnel dovrò livellarlo nei prossimi giorni, poi monterò il telo coprente adatto per i funghi e gli farò 2 finestre per l’areazione;  entro il 10 Aprile arriveranno i ballini incubati delle varietà di funghi certificati Biologici
(Pleurotus, Shiitake e spero anche i Pioppini se riusciranno a riprodursi)

20160324_174421

Inizialmente partirò con una sola serra, in quanto i Pleurotus a Giugno finiranno di produrre per via del caldo; poi in base alle vendite aumenterò le unità di Serre, il tutto é pensato nell’ottica della vendita diretta.

20160324_174530

la storia continua alla prossima volta…